Ramadani a Dazn Talks: “Avrei firmato per una salvezza così. Vogliamo chiudere in bellezza. Futuro? A Lecce sto benissimo”


Il mediano del Lecce Ylber Ramadani è stato intervistato nel corso della trasmissione trasmissione Dazn Talks.

Queste le sue parole:


Salvezza: “Abbiamo visto tutti insieme Milan-Cagliari in un locale. Dopo il gol del 3-1 abbiamo iniziato a festeggiare tutti insieme con i tifosi. Ha pagato tutto il presidente (ride). Quando sono arrivato se mi avessero detto che ci saremmo salvati a tre giornate dalla fine avrei detto dove devo firmare? Noi adesso vogliamo chiudere al meglio davanti ai nostri tifosi. La sconfitta con l’Udinese non ci ha fatto piacere. Anche il mister era molto arrabbiato”.
Boato dei tifosi dopo un gol: “Quando segniamo negli ultimi minuti è più bello di quando facciamo gol all’inizio della partita”.
Erede di Hjulmand: “Quando ho parlato con il direttore mi ha detto che questo era un ruolo importante. Sapevo che sostituivo un giocatore molto amato, ma mi sono detto da subito che volevo presentarmi al meglio. Sono contento di come mi hanno accolto i tifosi”.
Ambiente Lecce: “Totalmente diverso rispetto a dove stavo prima. Qui quando possibile vado al mare con la mia famiglia”.
Problema di salute: “Sono stato molto male. Ringrazio tutto il Lecce perché mi ha salvato la vita e mi ha coccolato molto durante i dieci giorni di ricovero. Ora sto bene e penso solo a chiudere al meglio questa stagione”.
Ambiente Lecce: “È l’ambiente giusto per crescere. Ora vogliamo pensare a fare bene anche nella prossima stagione”.
Gotti: “Mi trovo benissimo. Sento la sua fiducia. Con l’arrivo del mister abbiamo cambiato il sistema di gioco e siamo tornati a fare risultato”.
Spogliatoio: “All’interno parliamo sette lingue. Comunicare tra noi è facile. Banda per parlare utilizza Google translate o mi usa come traduttore personale”.
Sylvinho (CT Albania): “È un allenatore forte e preparato. Abbiamo un bel gruppo in cui oltre a me ci sono altri dieci giocatori che giocano in Italia. Durante il ritiro parliamo diverse lingue”.
Europei: “Per me e la mia famiglia rappresentano un sogno”.
Origini: “Io sono nato in Germania da genitori del Kosovo. I miei sono arrivati in Germania dopo un periodo difficile nel loro paese. Quando siamo tornati in Kosoco ho iniziato a giocare da solo a calcio e ora anche mio padre è orgoglioso di me”.
Alimentazione: “Devo seguire la mia alimentazione e stare attento soprattutto visto che il lunedì c’è il controllo del peso. Quando ho il giorno libero vado a farmi una bella mangiata di frutti di mare e sgarro con qualche dolcetto”.
Compagno più simpatico: “Berisha e Krstovic”.
Fisico di Baschirotto: “Lui fa tanta palestra. Per tutti noi è Hulk. Quando arrivo lo troviamo già in palestra a fare 200 kg alla pressa, mentre io ne faccio al massimo 90 kg”.
Krstovic: In campo lui vuole sempre segnare. Sembra serio ma fuori è uno che fa sempre scherzi”.
Rapporto con i tifosi: “Sono sempre disponibile per foto e autografi. Quando non posso fermarmi lo dico senza problemi”.
Nazionale italiana: “Sono molto forti. Hanno giocatori che giocano nelle grandi squadre della nostra serie A. spero alla fine che ci qualificheremo insieme a loro e insieme alla squadra di Pongracic”.
Festeggiamenti: “Stiamo aspettando la fine in modo da rimanere concentrati sulle ultime partite”.
Rabbia: “Quando il Lecce perde sono sempre di cattivo umore e non voglio mai tornare a casa. Quando torno sono uno che si tiene tutto dentro”.
Gol al Frosinone: “Ho detto a Gallo di darmi la palla e ho tirato sperando in bene. Quando il pallone è entrato ero felicissimo”.
Atalanta: “Spero arrivino con la vittoria della Coppa Italia e rilassati. Noi comunque la stiamo preparando bene perché vogliamo regalare una gioia ai nostri tifosi”.

DANIELE SINDACO

NEWS RECENTI

Un ex Lecce nello staff tecnico di Conte al Napoli?

Calciomercato Lecce – si programma il futuro nel segno della sostenibilità