Presentata in Camera dei Deputati la quarta tappa di iTEG: a Lecce il 19 e 20 giugno 2024. Nuove sfide e obiettivi per la crescita del Turismo EnoGastronomico Italiano

La quarta tappa di iTEG è stata presentata questo pomeriggio in conferenza nella Sala Stampa di Palazzo Montecitorio, a Roma.
Per raccontare l’evento che il 19 e 20 giugno aprirà le porte del Circolo Cittadino di Lecce attraverso talk, laboratori e masterclass sul Turismo Enogastronomico Italiano, sono intervenuti autorità, organizzatori oltre agli attori principali dell’evento.

La conferenza, moderata da Gianni Lattanzio, Presidente Confassociazioni International, è stata aperta dai saluti istituzionali dell’on. Pino Bicchielli: “Per me è un piacere avervi anche quest’anno per presentare la nuova tappa di iTEG. Il turismo è fondamentale in un sistema Paese come quello italiano nel quale il 13% del PIL nazionale deriva proprio dal turismo. Prendendo spunto dalla conferenza dell’anno scorso sono nati dibattiti e riflessioni dai quali si sono poi prodotti due articoli nella legge sul Made in Italy, il riconoscimento delle città d’identità e il manager di destinazione. Dal dibattito costruttivo nasce sempre qualcosa di buono. Oggi poi è imprescindibile parlare di sicurezza legata al turismo. Se non abbiamo un elemento di sicurezza all’interno di un sistema, è complicato immaginare di ospitare viaggiatori”.

Ha preso poi parola Paola Puzzovio, Founder e Manager iTEG: “Il progetto parte dal turismo enogastronomico e l’hospitality di alta qualità per ridisegnare il comparto e metterlo a sistema. Siamo partiti nel 2020, in pieno Covid, con TegING, un progetto che mette insieme formazione, Incoming, offerta turistica di altissimo livello, formazione, destinazioni e i cosidetti “altri turismi”, delle radici, religioso, tutto quello che riguarda realmente questa parte d’Italia che comprende tantissimi aziende, professionisti, attività, operatori. Loro sono il mio valore aggiunto di questo grande progetto. Mi occupo di turismo da 20 anni, ma mi premeva organizzare un sistema assieme chi fa turismo, condividendo obiettivi, attività, strategie, persone.
Il più importante tra i progetti che sviluppiamo durante l’anno è iTEG, evento che arriva a Lecce il 19 e 20 giugno aprendo le porte del Circolo Cittadino, immobile storico della città. ‘i’ come inclusivo, internazionale, innovativo, tutto ciò che vogliamo costruire assieme alle Reti. Le reti di affiliati e le reti di partner permettono di realizzare fattivamente ciò che diciamo. Partiamo come sempre dalla Puglia, da dove abbiamo iniziato, ma ci stiamo sviluppando sempre più nelle altre regioni, come Lazio, Lombradia, Veneto, e anche oltre: infatti la prossima tappa sarà Madrid. Le novità di questa edizione sono tantissime, dai panel alle masterclass, iClass, iTalk, iSkill, tavole rotonde e networking vero”.

Segue Paolo Giuntarelli, Direttore regionale Lazio Affari della Presidenza, Turismo, Cinema, Audiovisivo: “Grazie a Paola per questa iniziativa che ho visto nascere; è un progetto di costruzione di rete sul turismo che parte dai valori enogastronomici. Noi siamo ciò che mangiamo diceva Feuerbach, questo inteso anche da un punto di vista storico, architettonico, paesaggistico. Il cibo rappresenta una complessità, è un volano di cultura e valori e, attraverso la “scusa” del cibo, si costruisce qualcosa di nuovo, innovazione, lavoro, sinergie. Il turismo non si può costruire dall’alto, non può partire dalle istituzioni, ma dall’imprenditoria privata che però noi dobbiamo aiutare a svilupparsi e creare reti”.

Infine, Concetta d’Emma, 1° Rappresentante di Green Destinations per l’Italia e fondatrice di UnconventionalHospitality: “Il nostro obiettivo è quello di dare agli operatori turistici una maggiore consapevolezza su quella che si può definire un’ospitalità non convenzionale, inclusiva, che comprende tutti gli stili alimentari, partendo da una adeguata formazione. Novità di questo iTEG è la Green Factor Challenge, un format
che punta su un team building esperienziale, un mix tra formazione, consulenza, coaching e intrattenimento. In questo workshop scopriremo il potere dello storytelling come strumento di inclusione per aprire le menti e trasformare le relazioni tra aziende, destinazioni, viaggiatori e comunità locali; le 10 aree principali da considerare per raccontare le proprie “good practice”; quali sono i cross-target collegati al lifestyle degli eco-viaggiatori e che attualmente non stiamo includendo; gli errori comuni che infastidiscono maggiormente sia gli operatori turistici che realmente si impegnano nell’essere sostenibili, sia i viaggiatori che fanno scelte consapevoli in ogni area della propria vita; il nuovo format di storytelling responsabile ed inclusivo, che trasmetta 5 fattori principali: “Fattore Coerenza”; “Fattore Trasparenza”; “Fattore Fiducia”; “Fattore Sicurezza” e “Fattore Umano””.

Un turista su tre, secondo quanto emerge dalla sesta edizione del “Rapporto Sul Turismo Enogastronomico Italiano”, ha dichiarato di avere un budget superiore al 2022 per l’acquisto di proposte enogastronomiche e ben il 58% degli italiani, un totale di 9,6 milioni, ha compiuto almeno un viaggio a tema enogastronomico. Sette su dieci ne hanno svolto almeno uno nel corso dei viaggi più recenti, afferma la European Travel Commission, e le proposte enogastronomiche sono già le più ricercate per la prossima estate.

Sono numeri e dati, questi, che la dicono lunga sull’interesse che negli ultimi anni sta riscuotendo il Turismo Enogastronomico Italiano, in stretta connessione con l’offerta sempre più competitiva del nostro Paese che alle sue naturali bellezze oggi associa proposte valide da parte di operatori turistici e aziende.

È la sfida raccolta da Paola Puzzovio, esperta di T.EG. e ricettività extra alberghiera, fondatrice e manager di TEGing, progetto ideato nel 2020 che mette a frutto la sua esperienza ventennale chiamando a raccolta tutti gli operatori e i professionisti del T.EG. messi a sistema in Reti e Network per la gestione e l’organizzazione dell’intera filiera con l’obiettivo comune di accrescerne la qualità e l’eccellenza. Da questo macro-progetto che opera tutto l’anno, ne scaturiscono molti altri come, appunto, iTEG, che il 19 e 20 giugno sarà a Lecce per la sua quarta edizione nello storico immobile del Circolo Cittadino, nel cuore del centro storico barocco, riportando a galla la memoria collettiva di un’intera città. Per farlo, tenendo conto della storicità e dell’essenza del luogo, un intero team è al lavoro sull’organizzazione e sull’allestimento; nella fattispecie, l’Arch. Sara Lagna dello studio Lagna e la MQ Allestimenti srl hanno ideato un progetto ad hoc improntato alla sostenibilità dei materiali al fine di intervenire in modo etico e rispettoso sull’immobile.

‘i’ come italiano, innovativo, inclusivo, ma anche internazionale dato che la prossima tappa sarà a settembre a Madrid, un suffisso emblematico che precede l’acronimo TEG, Turismo EnoGastronomico, e un’occasione per fare un bilancio dell’anno appena trascorso e guardare al futuro con nuovi occhi.

Si parte dagli obiettivi raggiunti per formularne di nuovi, indagare le aree ancora da migliorare, puntare sulla formazione delle reti, integrarle, fare il punto sulla situazione del comparto nazionale e condividere strategie comuni che si trasformino in piani d’azione utili all’intera filiera. Tutto ciò tenendo bene a mente l’importanza di Reti, Innovazione, Formazione, Inclusione e Sostenibilità all’interno dei 17 Obiettivi per uno Sviluppo Sostenibile previsti dall’Agenda2030, Enoturismo, Intermediazione, Comunicazione, Empowerment femminile, Produttività e Destinazioni.

Il programma di iTEG si profila quindi in due giornate dense di appuntamenti, panel e masterclass con relatori d’alto profilo: iTalk, iClass, iTable, iNetworking, Salotto degli Autori, iExp, iSkill, iLab, panel tematici tra cui TEG & Unconventional TEG, Hospitality, Incoming & Export, Wellness & Health, Comunità & Target e il workshop Green Factor Challenge. Trenta, in tutto, i panel e gli incontri dedicati al T.EG. e all’Hospitality con focus sull’essenza delle comunità, vere protagoniste dei territori, attorno alle quali ruotano racconti di vita, storie che aggiungono valore ai luoghi, esercizi storici e artigiani che hanno definito la mappatura di interi quartieri, custodi di una memoria storica che iTEG vuole riportare in auge in molti modi. A latere dell’evento, infatti, si potrà assistere a numerose incursioni teatrali con l’ausilio degli attori che “riporteranno in vita” l’autentica storia del Circolo Cittadino e di chi lo ha realmente vissuto e incursioni artistiche con Arianna Greco.

Una sfida ulteriore per iTEG il cui fulcro è la formazione ai fini del miglioramento e della formazione specializzata agli addetti ai lavori, all’upgrade dei professionisti.

Il Panel sulla formazione con Nicola Chielli, esperto formatore, e Mario Antonaci, Direttore Operativo ITS Agroalimentare per il Piemonte, presenterà le opportunità e la migliore scelta formativa per gli imprenditori, i professionisti e i nuovi addetti al settore.

Tra i partner, Cucine d’Italia, magazine che sarà presente in più modi, sulle pannellature che arrederanno le sale in modo totalmente sostenibile, con articoli dedicati e all’interno dei panel sulla comunicazione con la fondatrice Silvia Famà.

Altri eventi molto coinvolgenti accompagneranno la due giorni: tra questi, la degustazione al buio coordinata da Luca Boccoli con cena abbinata presso il ristorante L’ombra del Barocco, per la quale sono disponibili alcuni tickets a pagamento, la sera che precede l’inaugurazione e l’evento musicale, pianoforte e sax, grazie alla collaborazione con il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, abbinato a Spirits con i sommelier di AIS e la sommelier Silvia Ferrari nel Salone degli Specchi, per esaltare il suono e il gusto attraverso la scala musicale e alcolica che andrà di pari passo.

IL PROGRAMMA

19 GIUGNO 2024

Mercoledì 19 giugno iTEG apre alle ore 9.00 ed entra subito nel vivo nella sala iTalk dove si susseguiranno incontri con esperti e rappresentanti del settore turistico e non solo, anche internazionali, moderati dalla giornalista enogastronomica Barbara Politi; si parte alle ore 10.00 con il Turismo EnoGastronomico, il punto sul comparto con Paola Puzzovio, Concetta D’Emma, Founder Unconventional Hospitality per dell’Unconventional TEG, e Bianca Bronzino, responsabile Innovazione presso ARET Pugliapromozione, per il prodotto turistico pugliese, a seguire si tratteranno le tematiche  dell’Enoturismo e wine hospitality, con Cristina Mascanzoni Kaiser, founder di WineHo, delle strategie di Incoming e di territori con  Giacomo Miola, vice presidente Slow Food Italia e Josè Maria De Juan Alonso, Consulente fondatore di GWTO-Organizzazione globale del turismo del vino e consigliere di ITER VITIS Europa,  membri del comitato scientifico di iTEG e Franco Peluso presidente di Slow Food Grottaglie, e ancora i panel su Finanza e Fisco con Giuliano Casale, Consulente Patrimoniale Fideuram, Private Banker,  e Valeria Stefanelli, Professore Ordinario in Economia degli Intermediari Finanziari, Comunità e Target, Incoming & Export e le eccellenze italiane con Maurizio Cezzi, Presidente di Confagricoltura Lecce e David Montefrancesco, Esperto di eccellenze e certificazioni agroalimentari,  Wellness & Health con Veronica Carlino, Founder e General Manager di Check-Up Centre, Reti e destinazioni con Falvia Coccia,  Destination Manager dal 2021 della DMO h2o Tevere mare,  Carmelo Rollo, presidente di Lega Coop Puglia, Oronzo Rifino, presidente Comitato Puglia, Ente Pro Loco Italiane, Angelo Argento, presidente di Cultura Italiae, e Massimo Federico Ceschin, esperto di DMO e dei Masterplan di destinazione, e ancora il panel sulla rete degli Eventi, con i rappresentanti di Hòlos, Jonathan Van Put, di  Vivere di Turismo Festival, Ksenija Alagia, Trofeo Ciolo, Luca Scarcia, tutto alla luce della sostenibilità e dell’inclusione.

In contemporanea, nella sala iCLASS si aprono le Masterclass con quella relativa a economia e finanza e poi si prosegue con quella dedicata ai giornalisti, dalle 11.00 alle 13.30, in collaborazione con Italian Travel Press, con i giornalisti Anna Bruno, Michela Di Giovanni e Michele Bellucci, con il coordinamento di Michele Peragine. Riconosciuti 3 crediti formativi dall’ODG. Focus sulla formazione orientata alla comunicazione per il turismo enogastronomico e ufficio stampa di settore.

La giornata prosegue, sempre in iClass, con Green Factor Challenge, evento organizzato per iTEG da Concetta D’Emma, 1° Rappresentante di Green Destinations per l’Italia e fondatrice di UnconventionalHospitality: un’importante occasione di alta formazione con l’obiettivo principale di selezionare le prime eccellenze pugliesi da portare come storie di successo a livello internazionale alle prossime ‘Top 100 Stories Awards’. Lo storytelling, dunque, diventa strumento di inclusione e sviluppo.

iTable è poi la sala dedicata ai tavoli tematici tra cui Hospitality TEG, Wellness & Health, Viaggiatori e Target: qui si entra nel vivo di iSkill, format ideato da TEGing Italia per aziende e professionisti, coordinato da Claudia Ferrero, esperta di recruting, 3 minuti per presentarsi e referenziarsi con la redazione finale di uno iSkill Book.

La sala iNet è dedicata agli incontri B2B con buyers, giornalisti ed influencers specializzati nel TEG e al Salotto degli autori, dove appunto vengono presentati libri e manuali tematici.

L’area iLab, all’interno del giardino del Circolo Cittadino,chiude il cerchio con laboratori sensoriali ed esperienziali in collaborazione con AIS Lecce, Elia Calò, Aristodemo Pellegrino e Ersilia D’Amico, Gelateria La Romana, Claudio Miola e Silvia Ferrari che esplorano e formeranno per il mondo del vino, della birra, dei cocktail, di olio e formaggi e molto altro.

20 GIUGNO 2024

La seconda giornata di iTEG segue il filone della prima con una serie di panel tematici nella sala iTalk tra cui Comunicare il turismo con Gianni Lattanzio, Presidente Confassociazioni International, Hospitaly, Massimo Cicatiello, Vice presidente di Fortune Italia, Silvia Famà, founder magazine Cucine d’Italia, Lamberto Funghi, fondatore di Giroviaggiando, rivolta a tutti coloro che accolgono i viaggiatori di turismo enogastronomico; la masterclass con Vivere di turismo, gestita da  Giuseppe Murina, per formare gli imprenditori dell’extra alberghiero a gestire le risorse economiche per un’offerta rivolta al TEG e, ancora, la sostenibilità, l’impatto sui territori il futuro del turismo in una prospettiva ottimistica e non in un panel dedicato con Cinzia Chiriacò, Fondazione CMCC e Sabrina Cavallo per AITR e altri esperti internazionali.

Nella sala iClass, poi, è previsto per i Servizi per le aziende, ICLASS dedicata agli aspetti formali per la gestione aziendale come le assicurazioni obbligatorie e non e quale tipo di prodotti assicurativi sono più in linea con le esigenze del settore, formazione con gli esperti dell’agenzia Carofalo assicurazioni, altro focus sulla gestione legale con Manuela Guadalupi, esperta avvocatessa, e la tutela dei dati e della privacy con Giulia Saracino, esperta DPO.

Volgendo al termine della giornata e dei due intensi giorni di eventi, Paola Puzzovio conduce il Panel dedicato all’inclusione con Daniela Ballarini, membro della commissione nazionale Ferpi, e altri esperti: focus sull’empowerment femminile nel Turismo il cui potenziale per promuovere la parità di genere e l’emancipazione delle donne e dei generi è incredibilmente vasto e da esplorare (obiettivo 5 dell’Agenda 2030). Il turismo rappresenta oggi un veicolo per la parità di genere, la sua comunicazione e l’imprenditoria femminile: parliamo infatti di uno dei settori in cui il divario retributivo di genere è inferiore rispetto a molti altri e nel quale, grazie anche alle piattaforme digitali, le donne fanno la netta differenza.

Oltre 100 tra professionisti/e e operatrici/tori del settore saranno presenti per il brindisi di chiusura della quarta edizione di iTEG, nel magnifico Salone degli Specchi del Circolo Cittadino, per tirare le somme e insieme tracciare nuove dinamiche virtuose in uno dei settori che oggi rientra a pieno titolo tra i principali driver dell’immagine e dell’identità del nostro Paese nel sistema turistico globale.

Il Turismo EnoGastronomico oggi possiede la forza, la tenacia e i mezzi per rafforzare l’attrattività del BelPaese in relazione ai competitor internazionali ridando slancio ai territori e alle comunità, vero patrimonio culturale immateriale da continuare a trasmettere di generazione in generazione garantendo un senso di identità e continuità e incoraggiando il rispetto per la diversità culturale, la creatività umana, lo sviluppo sostenibile: in poche parole, il viaggio come esperienza di inclusione, rispetto, scoperta e sostenibilità.

L’evento gode del patrocinio di: Provincia di Lecce, Promozione Puglia, Università del Salento, Green Destinations, Conservatorio Tito Schipa, Laica, Fipe, SILB, Confagricoltura Lecce.

L’evento è gratuito previa registrazione su www.i-teg.it, per accrediti giornalisti scrivere a ufficiostampa@teging.it.

www.i-teg.it – iteg@teging.it

NEWS RECENTI

Un ex Lecce nello staff tecnico di Conte al Napoli?

Calciomercato Lecce – si programma il futuro nel segno della sostenibilità