Operazione sorpasso riuscita: Lecce-Frosinone 2-1

Il Lecce per tornare alla vittoria, il Frosinone per continuare a stupire. D‘Aversa conferma Piccoli dal primo minuto, al suo fianco Banda e Strefezza. A centrocampo Oudin, Ramadani e Blin. In difesa c’è Gallo sulla sinistra. Parte bene il Lecce che dopo dieci minuti va in gol con Piccoli, ben servito da Banda dopo uno svarione della difesa ciociara: Lecce 1, Frosinone 0. Al minuto sedici rigore per il Frosinone per un contatto in area tra Gendrey e Brescianini: il Var però richiama l’attenzione del direttore di gara che però ritorna sulla sua decisione assegnando un fallo in attacco agli ospiti.

Al 20′ traversa di Banda con azione però viziata da fuorigioco di Piccoli. Al 21′ bella
parata di Falcone su destro dal limite di Soulè. Al 29′ bravo ancora Falcone su Brescianini. Al 32′ altra chiamata del Var che assegna rigore ai ciociari per fallo di Blin su Monterisi. Kaio Jorge dal dischetto buca Falcone: Lecce 1, Frosinone 1. Al 43’Banda si costruisce un’ottima occasione da gol ma calcia alto da posizione ottimale. Passano due minuti e Romagnoli si oppone alla splendida conclusione da pizzato di Oudin. Al 48′ Ibrahimovic calcia alto dal limite dell’area. Dopo cinque minuti di recupero il primo tempo si chiude sul punteggio di 1-1.

La ripresa si apre con una gran conclusione di Strefezza ribattuta in corner dal portiere ospite. Al 55′ colpo di testa centrale di Kaio Jorge. Al 60′ colpo di testa pericoloso di Gendrey, fuori di poco. Al 75′ dentro Kaba e Sansone, fuori Blin per Kaba. Al minuto 81 Frosinone vicino al gol con un sinistro che sfiora il palo. Al minuto 88 il Lecce passa ancora: sassata di Ramadani dai trenta metri che buca il portiere; Lecce 2, Frosinone 1. Al 92’parata di Falcone su colpo di testa di Soulè.Entra Rafia per Piccoli. Dopo 4 minuti di recupero il direttore di gara fischia la fine delle ostilità. Il Lecce torna alla vittoria e tocca il dodicesimo posto in classifica.

NEWS RECENTI

Giudice Sportivo: un turno ad Almqvist, nessuno squalificato nel Sassuolo

San…Tiago Pierotti e la giocata da tre punti: troppa fretta nel giudicare l’argentino?