Lo sentite anche voi questo strano silenzio?

Il Lecce si gode il dodicesimo posto, le otto lunghezze dalla Serie B e addirittura i cinque punti di ritardo dal quarto posto in classifica. Numeri di rilievo, capaci di zittire anche chi qualche giorno fa cercava di insinuare che ci fossero “crepe” nel gioco e nei risultati dei salentini, capaci di pareggiare con Milan in casa (ribadiamo di aver vinto per 3 a 2 in rimonta), con il forte Bologna e nei due sconti diretti fuori casa con Verona ed Empoli.

Ora, dopo la vittoria di ieri con il Frosinone, ci godiamo un “silenzio” al quale non siamo francamente abituati. Le vedove di Baroni, i detrattori di D’Aversa e del progetto tecnico dei giallorossi non hanno per il momento argomenti, e questo ci rende la vita particolarmente difficile, lo ammettiamo. Per fortuna ora ci aspettano due match difficili con Inter e Atalanta, due partite che potenzialmente potrebbero portare zero punti in cascina e, immancabilmente, nuovi mugugni per non aver raccolto punti contro due squadre costruite per fare bene in Europa.

Noi come sempre rimarremo in vigile controllo, analizzando senza pregiudizi ciò che avverrà, perché per noi conta solo il bene della maglia. Il progetto sportivo c’è, anche se presenta qualche lacuna, come ad esempio l’attesa nascita del centro sportivo ufficiale dei giallorossi, ma siamo certi che presto arriveranno delle novità: se lo merita un intero popolo.

Guardiamo avanti insieme con fiducia, o quantomeno proviamoci. Diciamocelo sinceramente, la classifica ci aiuta veramente tanto a fare questo piccolo sforzo.

NEWS RECENTI

Qui Cosenza – Delvecchio: “Tutino per noi è importante, ma…”

Calciomercato Lecce – Falcone si allontana dalla Roma: ecco perché