Empoli-Lecce: le info per il settore ospiti

L’U.S. Lecce comunica che a partire dalle ore 16.00 di lunedì 4 dicembre, sarà attiva la vendita dei biglietti del settore ospiti validi per la gara del Campionato di Serie A TIM 2023/2024 Empoli – Lecce,  in programma lunedì 11 dicembre alle ore 18:30 presso lo stadio “Carlo Castellani Computer Gross Arena” di Empoli.
 

Prezzo Tagliando Curva Sud Settore Ospiti (capienza 3.100 posti):

INTERO € 20,00 
(più commissioni vivaticket)

Non sono previsti biglietti a tariffa ridotta.

Omaggio “Under 14” per i nati dal 12-12-2009, utilizzando la nostra biglietteria virtuale con il servizio WhatsApp3791260302, o la mail biglietteria@empolifc.com. Per richiedere il biglietto omaggio è necessario che un parente entro il terzo grado abbia acquistato un biglietto nel settore di curva sud e ne garantisca la sorveglianza, sottoscrivendo l’apposita autocertificazione (disponibile su www.empolifc.com/biglietteria). I minori di 14 anni non possono accedere all’impianto se non accompagnati da un maggiorenne e dovranno entrare insieme ai varchi di pre-filtraggio e tornelli.

Accesso al settore “Curva Sud Ospiti”: varchi 01-02-03-04-05

Modalità di vendita:

1) Circuito VivaTicket  – “Rete di vendita Calcio” (elenco disponibile al seguente link https://shop.vivaticket.com/ita/ricercapv);

2) On-line tramite la modalità “Stampa a casa”, utilizzando il sito riconosciuto dall’Empoli Fchttps://empolicalcio.vivaticket.it

La vendita terminerà inderogabilmente alle ore 19:00 di domenica 10 dicembre pv. Il giorno della gara NON sarà possibile acquistare i tagliandi per il settore di Curva Sud Ospiti.

E’ pertanto assolutamente sconsigliato recarsi ad Empoli per la gara senza aver preventivamente acquistato il biglietto d’ingresso.

Non è consentito il cambio utilizzatore sui titoli emessi.

Apertura ingressi stadio “Carlo Castellani Computer GrossArena”: dalle ore 16:45 salvo differenti comunicazioni.

NEWS RECENTI

Giudice Sportivo: un turno ad Almqvist, nessuno squalificato nel Sassuolo

San…Tiago Pierotti e la giocata da tre punti: troppa fretta nel giudicare l’argentino?