Anche la Dea passa al Via del Mare: Lecce-Atalanta 0-2

Il Lecce per riprendere a fare punti, la Dea per un posto al sole in Europa. Gotti lancia Berisha dal primo minuto insieme a Gonzalez. In avanti la coppia Krstovic-Piccoli. Al 3′ Falcone si oppone al destro di Scamacca. Al 6′ ancora Falcone, questa volta su Pasalic, sugli scudi. Al 7′ Berisha fermato dalla difesa bergamasca negli ultimi 20 metri. Al minuto 9 occasione per Piccoli che al volo non impegna Musso. Passa un minuto e Musso si salva in corner su Piccoli ben servito da Krstovic. Sugli sviluppi del corner Gendrey, tutto solo, manda a lato di testa. Al 18′ Scamacca calcia forte e centrale, para Falcone. Al 20′ Piccoli non impatta il pallone da ottima posizione.

Al 26′ Dorgu calcia dai trenta metri senza trovare lo specchio della porta. Partita piacevole: dopo un minuto Scamacca va al tiro dai 20 metri, palla alta. Al 28′ fuori Gendrey, infortunato, dentro Venuti. Al 39′ Zappacosta si libera bene al limite dell’area ma calcia alto. Al 45′ gol del Lecce con Dorgu, annullato però per fuorigioco del classe 2004. Il Sig. Rapuano manda tutti a riposo dopo un minuto di recupero.

La ripresa inizia con Piccoli che serve bene Krstovic al centro dell’area, il nove giallorosso però calcia alto. Al 48′ passa la Dea: Scamacca lancia De Ketelaere che con un cucchiaio batte Falcone. Lecce 0, Atalanta 1. Al 53′ raddoppia l’Atalanta con Scamacca che anticipa Falcone su corner. Lecce 0, Atalanta 2. Fuori Berisha, Gonzalez e Dorgu, dentro Blin, Oudin e Pierotti. Al 57′ bell’azione di Pierotti che mette palla al centro senza trovare compagni pronti alla conclusione. Al 74′ conclusione alta di Scalvini. Al minuto 81 esce Ramadani, dentro Rafia. Al minuto 86 Piccoli coglie il palo su punizione dal limite. Piccoli ci riprova due minuti dopo, palla deviata in angolo. Dopo tre minuti di recupero il direttore di gara mette fine alle ostilità: l’Atalanta ottiene il pass alla prossima Champions.

NEWS RECENTI

Corvino: “Se il budget non ti permette di investire nelle qualità punti sulle potenzialità”

Fiducia e sostegno: quest’anno sarà una battaglia